Browser e device: ecco come si compra online

Lo scorso anno lo smartphone ha compiuto il definitivo sorpasso al pc tradizionale come strumento preferito per la connessione in senso generale: anche nel campo degli acquisti online i device mobili sono più utilizzati, perché più pratici e comodi, mentre sul fronte dei browser non c’è scampo al dominio di Google e del suo Chrome.

Smartphone sempre nelle nostre mani. A rivelare queste abitudini sono una serie di rapporti che si focalizzano appunto sui trend dei navigatori e degli eshopper di Italia e di Europa, e che servono a capire anche le dinamiche della nostra vita di ogni giorno. E parlando di quotidianità, il primo pensiero non può che essere rivolto allo smartphone, che accompagna (spesso in funzione di testimone) in pratica ogni azione della nostra vita.

Online via mobile. Anche l’ultimo studio della Doxa conferma l’influenza dell’ex cellulare: nel 2016, gli italiani hanno passato il 60 per cento del loro tempo in Internet connessi attraverso un dispositivo mobile, soprattutto per tutto quello che concerne le procedure di acquisto sul Web.

Nuove strategie di consumo. Oltre a essere un mezzo pratico per comprare attraverso le app specifiche dei vari retailer o rivenditori, lo smartphone è anche molto utile per attuare le strategie di risparmio e valutazioni che ormai anche i nostri connazionali hanno imparato a conoscere e apprezzare. Parliamo sia della possibilità di cercare online in tempo reale informazioni sui prodotti visti dal vivo, sia dell’opportunità di comprare a prezzi ridotti grazie alle promozioni a tempo presenti su piattaforme come Piucodicisconto.com, ormai un punto di riferimento per gli acquirenti più scafati.

Fondamentale per lo shopping. In termini pratici, lo smartphone è diventato fondamentale nei processi di acquisto degli utenti: una quota pari all’80% dei consumatori afferma infatti di utilizzare questo strumento per prendere decisioni d’acquisto, mentre un terzo finalizza in questo modo gli acquisti, come rivelato dall’analisi dell’Osservatorio Mobile B2c Strategy della School of Management del Politecnico di Milano.

L’analisi sulle abitudini degli europei. Allargando il quadro di approfondimento all’Europa, invece, facciamo riferimento allo studio di Visual Meta sul comportamento degli utenti nell’arco temporale di un anno, servito a raccogliere le differenze tra gli eshopper dei vari Paesi del Vecchio Continente rispetto all’utilizzo di sistema operativo, device e browser.

Tra i sistemi operativi vince Windows. Per quanto riguarda il sistema operativo non ci sono molte sorprese, perché il dominio Windows è incontrastato sul fronte desktop: i software di Redmond sono presenti sull’85 per cento delle macchine europee, e in Italia siamo anche sopra alla media con l’87,5 per cento (il record però spetta all’Ungheria, con il 96 per cento). In tutto il mondo, i computer su cui è installato Windows sono più di un miliardo, mentre 100 milioni sono quelli che girano con Mac e i sistemi operativi targati Apple (e in questo caso, a livello europeo la Danimarca è la nazione che preferisce la “mela”, con il 32,6 per cento di utenti).

Tra gli smartphone è lotta Android-Apple. Passando ai telefoni mobile, la lotta è decisamente più serrata: in questo ambito si può ben parlare di duopolio, perché Windows non arriva neppure all’un per cento, lasciando pertanto le fette più ampie del mercato ai sistemi iOS e Android. In Italia è proprio il “robottino verde” a conquistare il 59 per cento di utenti e dispositivi, anche se i prodotti Apple sono quelli più venduti (e difatti l’iPhone 7 è lo smartphone più venduto dell’anno).

Google batte gli altri browser. Ultimo capitolo di questo focus è dedicato ai browser preferiti dagli utenti: anche qui c’è un netto monopolio, con Google Chrome che è nettamente lo strumento più utilizzato in tutta Europa, calcolando media d’uso sia per mobile sia per desktop, superando avversari del calibro di Mozilla Firefox, che comunque risulta particolarmente apprezzato in Germania.

Articolo scritto da Mr. Nerd • 14 settembre 2017 • News

Tags:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *