Curiosità sul mondo di Harry Potter: davanti e dietro le quinte

Se stai leggendo questo articolo, sei sicuramente un grandissimo appassionato della saga di Harry Potter. Che tu abbia letto i libri o visto i film (o entrambi), voglio metterti alla prova, per capire se sei un vero fan della serie. Quindi voglio proporti alcune curiosità su Harry Potter che in pochi sanno.

Se il tuo cuore è dunque Serpeverde, Grifondoro, Tassorosso o Corvonero dovrai essere già a conoscenza di ciò che leggerai nelle righe seguenti – se credi che basti avere i gadget o l’abbigliamento (come le magliette di Harry Potter)– per essere un vero fan, ti sbagli. Ma si sa, non si smette mai di imparare, quindi non è un male se non conosci proprio tutto a riguardo.

Il motto di Hogwarts e i numeri del mistero

La scuola di Hogwarts ha un motto, che è “Draco dormiens numquam titillandus”, ovvero “Mai solleticare un drago addormentato”.

Quella dei numeri del mistero è una nota che solo pochi attentissimi spettatori del film avranno notato. Quando Arthur Weasley compone dalla cabina telefonica il numero che lo porta, insieme ad Harry, al Ministero della Magia, i numeri digitati sono 6-2-4-4-2; all’apparenza può non significare nulla, ma se presti attenzione alle lettere sotto i rispettivi numeri, vedrai che salterà fuori una parola: magia.

J. K. Rowling e Harry Potter

Se si parla di Harry Potter è impossibile non parlare della sua creatrice: J. K. Rowling. Innanzitutto, Harry Potter condivide con la Rowling un dettaglio molto importante, ovvero la data di nascita: sono entrambi nati il 31 luglio. Il personaggio di Hermione è quello che la rappresenta all’interno della saga, per questo motivo il Patronus scelto per lei è una lontra. L’animale preferito della scrittrice è proprio la lontra. Probabilmente, i nomi di alcuni personaggi di Harry Potter sono stati ispirati da delle lapidi presenti all’interno del cimitero di Greyfriars Kisk a Edimburgo. Infatti, sono presenti tre lapidi con i nomi di Thomas Riddle, William McGonagall ed Elizabeth Moodie. Per creare i Dissennatori e le sensazioni che scatenano, J. K. Rowling ha usato a suo favore la depressione di cui soffriva per via della morte della madre.

Ammettilo, hai pensato che sarebbe stato bello vedere una rappresentazione di Harry Potter a teatro. Beh, J. K. Rowling non l’ha permesso; infatti, Michael Jackson aveva chiesto di produrre un musical sulla saga, ma la scrittrice ha respinto la richiesta.

La parola che avrebbe dovuto concludere la saga, sarebbe dovuta essere “cicatrice”, ma essendo un po’ troppo cupa, J. K. Rowling ha optato per la frase “Andava tutto bene”.

Dietro le quinte di Harry Potter

Anche le curiosità che si celano dietro le quinte dei film sono degne di nota. Prima fra tutte è quella del bacio tra Harry e Hermione. Nel momento in cui doveva essere girata la scena, Rupert Grint è stato invitato a lasciare il set perché continuava a ridere. Tom Felton avrebbe probabilmente voluto impersonare anche qualcun altro; infatti, aveva letto anche le parti di Ron e Harry prima di diventare il Serpeverde Draco Malfoy.

Sempre parlando di Tom Felton, durante le riprese di “Harry Potter e il Prigioniero di Azkaban” è stato necessario cucire le tasche del mantello di Hogwarts perché l’attore continuava a cercare di contrabbandare cibo sul set.

Prima dell’inizio delle riprese del film, il regista Alfonso Cuarón, ha chiesto ai tre attori principali di realizzare un saggio sui loro personaggi. Il risultato? Emma Watson ha scritto 16 pagine (a quanto pare è un po’ Hermione nella vita reale), Daniel Radcliffe ha scritto una pagina e Rupert Grint non ha consegnato il compito.

Altre interessanti curiosità su Harry Potter

Le curiosità su Harry Potter non finiscono qui; infatti ce n’è qualcun’altra nella manica che potresti non conoscere.

Stephen King scrisse una recensione a mano su “Harry Potter e l’Ordine della Fenice” all’interno di Entertainment Weekly e ha definito la professoressa Umbridge come la miglior cattiva immaginaria dai tempi di Hannibal Lecter. Ottimo lavoro, dunque, a Imelda Mary Philomena Bernadette Staunton che ha interpretato proprio uno dei personaggi più odiosi della saga. Da giovane, Minerva McGranitt è stata infelicemente innamorata di un Babbano, ma poi decise di fuggire a Londra per poter intraprendere il lavoro presso il Dipartimento di Applicazione della Legge Magica. Inoltre, quando era studentessa, aveva un grande talento nel Quidditch, che però dovette smettere di fare per via di un grave infortunio. I nomi che Harry ha dato ai suoi figli sono stati affibbiati non per puro caso e piacere; infatti, questi ricordano la memoria di alcuni personaggi che sono stati incontrati all’interno della saga: James Sirius, Albus Severus e Lily Luna. Draco Malfoy, secondo il volere del padre, avrebbe dovuto frequentare l’Istituto Durmstrang e non Hogwarts. Ma la madre non aveva intenzione di mandarlo così lontano.

Articolo scritto da Mr. Nerd • 21 novembre 2017 • News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *